Noticias

Esta estatua se llama "El ejecutor de la Ley"

Blog del Padre Fortea - 12 December, 2018 - 17:59


Lucía escribió un comentario que es profundo y que creo que merece un comentario, porque está muy argumentado. Por otra parte, me parece muy bien que me lleven la contraria, porque es bueno dialogar y confrontar nuestras opiniones con los que no piensan como uno. Pongo las palabras de Lucía en granate y mi comentario en color negro:
La unidad es positiva cuando es aceptada libremente y no por imposición.
La soberanía (y también las instituciones que regulan la soberanía popular) no son aceptadas libremente. Al revés, ellas son las garantes de la libertad. Si una institución constitucional ha de ser cambiada, no se cambia porque sea aceptada o no, sino según los mecanismos que regule la misma constitución. Si el 51% de los ciudadanos españoles quisiera que los miembros del Tribunal Constitucional se eligieran democráticamente, eso no bastaría. Para cambiar el método de constitución de ese alto tribunal solo se podría hacer a través de los métodos que marca la misma constitución española. En ese caso, lo que piense la mayoría (el 51% de la población) no basta. La formación de ese alto tribunal se le impone a los ciudadanos, incluso aunque la mayoría quisiera otro sistema. Y eso es justo. Las instituciones jurídicas constitucionales no están sujetas a lo que diga la mayoría en cada momento.
La mejor manera de saberlo es siendo demócratas de verdad, que no de palabra, dando la voz al pueblo al estilo de los referendums de Escocia y Canadá, como bien dice Fortea.
En las democracias, no todo se puede decidir democráticamente. Para que sea un Estado de Derecho, la Ley pone límites a lo que se puede decidir. Todos los sistemas constitucionales del mundo, incluidos los más democráticos, expresamente blindan la soberanía. Pero solo ha habido esas dos excepciones citadas. También Alemania prohíbe negar el Holocausto. Pero esa es una ley muy debatida entre los juristas.
La legalidad vigente no puede inclinar la balanza sólo a un lado del conflicto no es justo, quedaría la mitad de la población defraudada e impuesta al castigo de no poder dar su opinión en un tema tan trascendente.
Cuando dos partes no se ponen de acuerdo, lo que se impone es la fuerza de la Ley. En este conflicto, se haga lo que se haga, una mitad de los catalanes va a quedar defraudada.
No es delito dar la opinión. Lo que es delito es que la autoridad inferior desconozca la ley de la nación. En todo país, quebrantar la Ley conlleva una pena.
El nacionalismo y en concreto los independentistas deben de defender sus posturas sin odios, efectivamente, pero el poder central debe de buscar soluciones políticas a un problema político que se le escapa de las manos y que se enconado día tras día con su cerrazón.
Un problema político que se le escapa de las manoses un modo eufemístico de definir la campaña de indoctrinamiento y discriminación que se ha llevado desde la Generalitat desde hace años.
No puede haber diálogo alguno cuando a una de las partes, por defender su postura, se le dice ha caído en la cerrazón. Si los nacionalistas defienden la independencia con el 50% de los votos, defienden la libertad, un derecho. Si los unionistas defienden la unidad, caen en la cerrazón y no tienen altura miras.
Lo mínimo que se requiere para un diálogo es considerar al otro tan igual como uno mismo, y con iguales derechos. Pero si, tras el diálogo, no hay acuerdo, la Ley no por eso se suspende. La soberanía nacional, por propia definición, no admite suspensión en sus funciones. Sí que admite el pacto, eso sí. Pero nunca un estado de suspensión. Pueden suspenderse temporalmente las funciones del parlamento, por ejemplo, cuando se disuelven las cámaras. Podría poner otros ejemplos de otras instituciones. Pero la soberanía nacional nunca se suspende, por definición.
Categories: Blogs

Trabajando en canteras de pensamiento

Blog del Padre Fortea - 12 December, 2018 - 09:19


Hoy he estado toda la mañana en el infierno. Estoy con el libro sobre el averno, y la mañana entera y verdadera la he dedicado a deambular por esas regiones. El día de ayer tan soleado, tan agradable y primaveral, se presentaba como una fuente de desinspiración. Mientras que la jornada de hoy, totalmente gris, fría, ayudaba. La verdad es que bromeo. Podría escribir sobre el infierno incluso en mitad de una vida. Aunque, hoy día, no hace falta esperar mucho para que bodas se conviertan en un escenario especialmente propicios para escribir sobre el tártaro.
Toda esta reflexión de horas sobre el infierno ha culminado en un bacalao al pil pil y unas patatas cocinadas con lentitud con cilantro y dos tipos de quesos, y unas rodajitas de chorizo de pavo bajo en colesterol. Me habían regalado un panetone ayer que ha estado muy bueno como postre.
No hay nada como culminar mi trabajo teológico con una buena comida. Escribir de buen humor claro que influye en la teología. Calvino debía tener unas digestiones pésimas. Digamos lo mismo del puritanismo inglés, alimentándose de nabos y zanahorias hervidas. Esos sujetos veían la predestinación (adonde fuera) casi como una liberación. El catolicismo siempre ha sido una cosa muy distinta.
Post Data: Probablemente, después de cenar escriba otro post sobre Cataluña. Muchos queréis y ya sabéis que no os niego nada.
Categories: Blogs

ASIA/INDIA - Dimissioni del Vescovo di Srikakulam

Agencia FIDES - 12 December, 2018 - 05:15
Città del Vaticano – Il Santo Padre Francesco ha accolto oggi le dimissioni di Sua Ecc. Mons. Addagatla Innayya Chinna dal governo pastorale della Diocesi di Srikakulam .
Categories: , Noticias

ASIA/MEDIO ORIENTE - Trump firma la legge sul cosiddetto “genocidio dei cristiani” in Medio Oriente

Agencia FIDES - 12 December, 2018 - 05:13
Washington - Il Presidente Usa, Donald Trump, ha firmato ieri l' "Iraq and Syria Genocide Relief and Accountability Act of 2018", la legge che definisce come “Genocidio” la serie di crimini perpetrati negli ultimi anni da gruppi jihadisti su cristiani e yazidi in Iraq e Siria, impegnando il governo degli Stati Uniti a fornire assistenza umanitaria ai gruppi vittime delle violenze e a perseguire i responsabili e gli esecutori delle efferatezze.
Alla cerimonia per la firma del Presidente USA hanno presenziato, tra gli altri, l'Arcivescovo caldeo di Erbil Bashar Warda, il Cavaliere supremo dei Cavalieri di Colombo Carl Anderson, l'Ambasciatrice USA presso la Santa Sede Callista Gingrich e l'Arcivescovo Timothy Broglio, Ordinario militare negli Stati Uniti d'America.
La legge da impulso all'assistenza finanziaria USA per progetti umanitari, di stabilizzazione e di ricostruzione a favore delle minoranze religiose in Iraq e in Siria. L'assistenza può essere messa in atto attraverso strumenti e organismi che fanno capo direttamente al governo federale o anche attraverso la mediazione di altre organizzazioni, comprese quelle di natura ecclesiale e religiosa.
Inoltre, l'atto consente al Dipartimento di Stato degli Stati Uniti di condurre indagini penali e arrestare individui identificati come presunti membri dei gruppi di matrice jihadista, per punire o prevenire atti vioenti nei confronti di minoranze religiose. Lo stesso Presidente Trump, dopo aver firmato la nuova legge, ha confermato l'impegno del governo USA a mettere in atto anche le procedure che impegnano gli apparati statunitensi a perseguire i responsabili dei crimini.
La Camera dei Rappresentanti degli USA, lo scorso 27 settembre, aveva approvato all'unanimità il progetto di legge, identificato dalla sigla HR 390. In precedenza, sostegno unanime alla nuova legge era stato espresso anche dal Senato USA.
La firma della legge da parte del Presidente Trump è il risultato dell'attività di lobbying condotta già sotto la precedente Amministrazione presidenziale da organizzazioni USA come i Cavalieri di Colombo, il cartello In Defense of Christians, il Family Research Council, la Commissione per l'etica e la libertà religiosa della Convenzione dei Battisti del Sud, l'Iniziativa Wilberforce del 21° secolo, il Centro per la libertà religiosa dell'Istituto Hudson. In occasione della firma, media statunitensi hanno riproposto le parole riferite in passato al deputato USA Chris Smith dall'Arcivescovo caldeo Bashar Warda, secondo il quale "i cristiani in Iraq sono ancora sull'orlo dell'estinzione, e la HR 390 è vitale per la nostra sopravvivenza. La sua implementazione deve essere completa e veloce, altrimenti l'aiuto che fornisce arriverà troppo tardi per noi".
La Commissione degli Stati Uniti sulla libertà religiosa internazionale , un organismo federale indipendente e bipartisan istituito dal Congresso, ha elogiato il Presidente Trump per aver firmato il disegno di legge."In questo disegno di legge riconosciamo anche il messaggio che i responsabili di questi crimini, compreso il genocidio, non sfuggiranno alla giustizia", ​​ha dichiarato il vicepresidente della USCIRF, Kristina Arriaga.
L'atto legislativo, consentendo ai gruppi motivati dalla fede religiosa di ricevere aiuti finanziari da parte degli USA, modifica in parte la precedente politica del Dipartimento di Stato e dell'Agenzia statunitense per lo sviluppo internazionale, che per distribuire i fondi utilizzavano principalmente i canali – considerati “neutrali” dal punto di vista religioso - delle Nazioni Unite.
Il 25 ottobre 2017, era stato il Vice Presidente USA Mike Pence a preannunciare questo cambiamento nelle procedure utilizzate dalla politica USA riguardo ai finanziamenti per le emergenze umanitarie . "Non ci affideremo più solo alle Nazioni Unite per aiutare i cristiani perseguitati e le minoranze” aveva detto Pence in occasione della cena di solidarietà annuale per i cristiani in Medio Oriente promossa a Washington dall'organizzazione USA In Defense of Christians. Il vicepresidente Usa, in quel contesto, aveva preannunciato che le agenzie federali USA avrebbero lavorato "fianco a fianco con gruppi di fede e organizzazioni private per aiutare coloro che sono perseguitati per la loro fede". 
In precedenza, il Patriarca caldeo Louis Raphael Sako aveva fatto notare in un'intervista che “negli ultimi anni in Medio Oriente i cristiani hanno sofferto ingiustizie, violenze e terrorismo. Ma questo è accaduto anche agli altri loro fratelli iracheni musulmani, e a quelli di altre fedi religiose. Non bisogna separare i cristiani dagli altri, perché in quel modo si alimenta la mentalità settaria”. .
Categories: , Noticias

AFRICA/CENTRAFRICA - Continuano gli assalti ai siti di sfollati nei pressi di parrocchie cattoliche; “Si mira a distruggere la convivenza pacifica”

Agencia FIDES - 12 December, 2018 - 04:46
Bangui - "Gli uomini armati sono entrati nel campo e hanno iniziato a sparare a distanza ravvicinata. Con questo tipo di comportamento, come possiamo ancora credere nella coesione sociale? La popolazione è stanca di questi ripetuti attacchi " ha detto uno sfollato dalla città di Ippy, il giorno dopo l'attacco, avvenuto il 4 dicembre contro la locale parrocchia cattolica da parte di un gruppo armato.
Secondo le informazioni raccolte dalla popolazione, è stato il comandante dell'UPC della città di Ippy, un certo Moussa Abakar, a dare l'ordine di attaccare il sito degli sfollati. L’attacco è stato confermato da Sua Ecc. Mons. Richard Appora Ngalanibé, Vescovo di Bambari.
L’UPC è lo stesso gruppo che ha massacrato 60 sfollati nel campo gestito dalla Chiesa cattolica ad Alindao il 15 novembre .
Vladimir Monteiro, portavoce della MINUSCA , ha detto che l’attacco ad Ippy è stato causato da uno scontro tra gli anti-balaka e gli uomini dell'UPC: "C'è stato uno scontro tra gli uomini dell’UPC e gli anti-balaka. Ciò ha provocato il panico all'interno del sito degli sfollati” ha affermato.
Secondo una nota giunta all’Agenzia Fides della Piattaforma delle Confessioni Religiose per la Pace in Centrafrica, la versione del portavoce ONU non convince, e ci si chiede se con tale versione dei fatti non si voglia minimizzare la gravità dell’episodio. Tanto più che l’assalto alla parrocchia di Ippy avviene dopo i recenti attacchi a siti di sfollati ad Alindao e Batangafo.
“Si possono spiegare gli attacchi ripetuti ai siti di rifugiati nelle parrocchie cattoliche che li ospitano, come scontri tra UPC e anti-balaka?” si chiede la Piattaforma delle Confessioni Religiose. “Un tale argomento, privo di ogni fondamento, non è altro che un alibi che serve ai gruppi armati per distruggere la convivenza civile al fine di saccheggiare, derubare e devastare le proprietà di persone innocenti”.
L'attacco al sito degli sfollati di Ippy non solo ha traumatizzato le famiglie che erano lì, ma ha anche distrutto tutto il lavoro di sensibilizzazione alla pace che molte organizzazioni, compresa la piattaforma delle confessioni religiose, hanno fatto in questa parte del paese” conclude la nota.
Categories: , Noticias

ASIA/INDIA - Elezioni in tre stati centrali: torna a vincere il Partito del Congresso

Agencia FIDES - 12 December, 2018 - 04:37
New Delhi - Nelle elezioni parlamentari tenutesi in tre stati dell'India centrale, Madhya Pradesh, Chhattisgarh e Rajasthan, si registra la vittoria del Partito del Congresso e la sconfitta del partito nazionalista indù, al governo a livello federale, il Baratiya Janata Party . I tre stati erano considerati "roccaforti del BJP," che aveva ottenuto 62 dei 65 seggi nelle ultime elezioni parlamentari. Rajasthan, Madhya Pradesh e Chhattisgarh fanno parte di una regione che ha dato al BJP e ai suoi alleati 203 dei 225 seggi ottenuti nel 2014.
Secondo i risultati diffusi, in Chhattisgarh, il Congresso ha vinto 68 dei 90 seggi in gioco ; in Rajasthan, il Congresso ha ottenuto 101 dei 199 seggi ; in Madhya Pradesh, il Congresso ha preso 114 seggi, mentre il BJP è riuscito a tenerne 108, su 230.
Reagendo ai risultati del voto, A. C. Michel, laico cristiano e attivista per i diritti umani, ha detto a Fides: "Il nostro è un paese democratico. Abbiamo elezioni ogni cinque anni. Alcuni leader nazionalisti hanno creduto di essere stati eletti per sempre. Il colmo dell'arroganza è stato scegliere un sacerdote indù come Primo ministro dell'Uttar Pradesh".
Secondo Abraham Shariff, anziano giornalista, il verdetto elettorale è "una lezione per coloro che fanno politica utilizzando la religione per i loro calcoli e guadagni egoistici. Non si può più giocare con i sentimenti religiosi della gente".
Analisti politici dicono che il governo del Primo ministro Narendra Modi, esponente di picco del BJP, ha intenzione di cambiare la Costituzione e di creare "un India riservata agli indù", tradendo il carattere secolare e pluralista della nazione. "Il risultato di questa tornata elettorale dimostra che la gente non può essere ingannata troppo a lungo", rileva Augustine Tirkey, leader laico cattolico.
Categories: , Noticias

AFRICA/SUD SUDAN - I Vescovi: bisogna continuare a pregare per la pace nel paese

Agencia FIDES - 12 December, 2018 - 04:08
Yei – “I Vescovi dell’Association of Member Episcopal Conferences in Eastern Africa , accanto ai governi di Etiopia, Kenya, Uganda e Sudan, hanno contribuito insieme alla firma dell’accordo di pace tra il Sud Sudan e i leader dell’opposizione. Ora bisogna pregare a agire perché la pace duri”: lo afferma Mons. Erkolano Lodu Tombe, Vescovo di Yei, invitando tutti, laici e clero, a continuare a pregare.
“Abbiamo bisogno delle preghiere. Siamo fiduciosi che la preghiera consentirà di fermare lo spargimento di sangue e di creare una pace duratura per il popolo sofferente del Sud Sudan” continua il Vescovo, in una nota pervenuta a Fides.
Secondo Mons. Tombe, dopo la firma dell'accordo di pace tra il governo e i leader dell'opposizione dello scorso agosto , la situazione è molto più serena in molte parti del paese e questo ha riempito di fiducia e speranze molte persone. Tuttavia, il Vescovo ha rilevato che alcune fazioni dei ribelli non hanno firmato l’accordo.
“In alcune zone, di tanto in tanto, l’accordo viene violato e la violenza continua; si tratta però di un fenomeno che potrebbe accadere in qualsiasi altra parte del mondo. Dobbiamo accettare il fatto che non c'è un accordo perfetto. Tuttavia, siamo fiduciosi che la guerra e la violenza si arrestino del tutto per dare alle persone la possibilità di ricostruire le loro vite”, insiste Mons. Tombe.
Insieme ad altri leader religiosi di Yei, i Vescovi dell'AMECEA hanno richiesto un permesso scritto da parte del governo che consenta loro di andare incontro ai ribelli che ancora resistono, al fine di coinvolgerli nel dialogo e ascoltare le loro richieste, da riferire poi al governo e al popolo.
“Non ci è stato dato finora un consenso formale scritto. Ci hanno detto che siamo liberi di andare, ma questo per noi non è abbastanza; abbiamo bisogno di un impegno scritto, perché solo in quel caso si potrà garantire la sicurezza di chi si impegna in questa missione di dialogo e di pace” ha concluso il Vescovo Tombe.
Categories: , Noticias

AMERICA/BRASILE - Uomo armato irrompe nella Cattedrale di Campinas e uccide quattro persone

Agencia FIDES - 12 December, 2018 - 03:06
Campinas – "Verso le ore 13,15 dell'11 dicembre 2018, dopo la Messa delle 12,15, un uomo con due armi da fuoco è entrato nella Cattedrale di Campinas e ha sparato ai fedeli che stavano pregando. L'azione è stata rapida e ha provocato la morte di quattro persone. Dopo gli spari, l'uomo si è ucciso. Ancora non conosciamo le motivazioni per questi spari”. Inizia così il comunicato dell'Arcidiocesi di Campinas, Brasile, pervenuto all’Agenzia Fides, che informa dei tragici fatti accaduti ieri nella Cattedrale.
“La Cattedrale di Campinas ha fornito alle autorità tutte le informazioni possibili e le registrazioni del circuito di sicurezza interno. Il governo sta indagando sul caso – prosegue il testo -. Ci rammarichiamo profondamente per quello che è successo. Soffriamo con le persone che in questo momento piangono la morte dei loro amici, fratelli e parenti. Chiediamo a tutti di pregare affinché queste famiglie trovino conforto e pace in Dio. Ripudiamo ogni atto di violenza e chiediamo che, ora più che mai, tutti noi diventiamo promotori della pace”.
Il documento, firmato dal Parroco della Cattedrale, Mons. Rafael Capelato, e dall'Amministratore diocesano, Mons. José Eduardo Meschiatti, informa infine che la Cattedrale rimarrà chiusa fino alle 12 del 12 dicembre, e alle 12,15 si celebrerà una Messa per le anime dei fedeli defunti.
Secondo informazioni inviate a Fides dalla stessa Arcidiocesi, l'uomo, 49 anni, si chiamava Euler Fernando Grandolpho, ed era entrato nella Cattedrale di Campinas , con due armi . In chiesa c'erano circa 20 persone quando l'uomo ha iniziato a sparare, era appena finita la Messa. Quando è arrivata la polizia, l'uomo si era già ucciso. Benché i soccorsi siano arrivati velocemente, per le vittime non c'è stato nulla da fare, mentre i feriti sono stati portati all'ospedale de Clinicas da Unicamp.
La comunità cattolica della regione Sud del Brasile, attraverso i Vescovi, ha espresso solidarietà e vicinanza nella preghiera alla comunità di Campinas, in questo periodo in cui i cristiani preparano il Natale.

\\\
Categories: , Noticias

ASIA/MALAYSIA - La Chiesa prepara un “Anno straordinario della Missione” e il “Mese missionario straordinario”

Agencia FIDES - 12 December, 2018 - 02:46
Kuala Lumpur - La Chiesa cattolica in Malaysia, Singapore e Brunei ha annunciato che nella solennità dell'Epifania darà avvio ad un "Anno Straordinario della Missione" che culminerà con la celebrazione del "Mese missionario straordinario", indetto da Papa Francesco per l'ottobre 2019. Lo ha riferito il Vescovo Sebastian Francis, alla guida della diocesi di Penang e Presidente della Conferenza Episcopale della Malaysia, Singapore e Brunei, in una nota inviata all'Agenzia Fides. Come appreso da Fides, le diocesi di Malesia, Singapore e Brunei hanno iniziato a preparare le comunità cristiane per l'Anno straordinario. L'Institute for New Evangelization in Malaysia ha tenuto nei giorni scorsi una speciale sessione di formazione dedicata ai leader cattolici, su impulso dei Vescovi Sebastian Francis di Penang e Bernard Paul di Malacca-Johore. Vi hanno partecipato cinquantasei tra leader, operatori pastorali, responsabili di comunità.
A illustrare finalità e contenuti del Mese missionario straordinario è stato p. Victor Louis, Direttore nazionale delle Pontificie Opere missionarie. Il Direttore ha ricordato l'approccio di Papa Francesco per questa celebrazione: l'evangelizzazione è una risposta all'invito di Gesù "Andate in tutto il mondo e proclamate il Vangelo a ogni creatura" . "Obbedire a questo mandato del Signore non è un'opzione per la Chiesa, ma è il suo compito essenziale; la Chiesa è missionaria per natura: esiste per evangelizzare. L'evangelizzazione è infatti la grazia e la vocazione propria della Chiesa” ha detto il Direttore.
Nella sessione di cinque giorni, una speciale liturgia ha messo in luce il fatto che ogni cristiano, in virtù del battesimo, è chiamato all'evangelizzazione. I partecipanti al seminario si sono inoltre recati al vicino ospedale, a un centro commerciale e ad una casa per anziani per fare una esperienza di "evangelizzazione di strada".
Il Mese missionario straordinario dell'Ottobre 2019 celebra il 100° anniversario della Lettera Apostolica "Maximum Illud" di Papa Benedetto XV ed ha il tema: Battezzati e inviati: la Chiesa di Cristo in missione nel mondo". Lo scopo è promuovere maggiore consapevolezza sulla "missio ad gentes" e riprendere, con rinnovato fervore, la trasformazione missionaria nella vita della Chiesa.
Categories: , Noticias

Un bello martes soleado, tranquilo y feliz

Blog del Padre Fortea - 11 December, 2018 - 15:28


Estos días estoy leyendo la autobiografía de Stephan Zweig, El mundo de ayer. Me está gustando. Gracias a la lectora de este blog que me proporcionó tal obra. He comido hoy con una familia que me es muy querida. Comer con personas a las que les tienes cariño, en un ambiente agradable, unos platos deliciosos, es uno de los grandes placeres de la vida. 

Por la mañana, he estado revisando unos escritos míos sobre el infierno que tanto me ha pedido un lector de Washington DC. Al final la insistencia de este buen amigo (con el que he compartido cenas y charlas) ha tenido efecto. Pero este libro sobre el infierno tengo la sensación de que debo dejarlo reposar. Escribir y alejarme de la obra durante un tiempo, volver a escribir y volver a dejarlo dormir. 

Hay libros que son fruto de la pasión, de una tormenta creadora, que solo se pueden escribir de un tirón. Otros libros son el resultado de calmada revisión, de una labor de relojero más paciente.

He ofrecido mi libro sobre las plagas de Egipto a dos editoriales y a un agente literario. Pero, de momento, sigue durmiendo silencioso en mi casa.
Ya he acabado de jugar mi partida de ajedrez de después de la cena y estoy escuchando la banda sonora de El piano. Una obra musical sobrevalorada, pero muy buena. Ya se ha deshecho el trocito de chocolate que tenía en la boca. Llamaré a un amigo para darme un paseo, mientras hablo por teléfono. Buenas noches a todos.
Categories: Blogs

¿Sembrar la secesión es un asunto moralmente indiferente?

Blog del Padre Fortea - 11 December, 2018 - 05:38


Después de cenar escribiré unas líneas sobre asuntos personales, para que no hable yo siempre de este asunto de Cataluña. Pero esto se ha convertido en una conversación que me parece muy interesante, una civilizada conversación. Lucía escribía:
La legalidad de hoy puede ser muy diferente a la de mañana. Las leyes cambian como cambia la sociedad.
No, Lucía, la soberanía siempre ha sido lo mismo. Tanto en la época de los estados-clientes del Imperio Romano, como en la época de Carlomagno. La soberanía es una realidad jurídica que será igual ahora que en el siglo XXIII.
¿Por qué? Porque si esto fuera el poblado Pitufo, nos reunimos en la plaza y nos ponemos de acuerdo, pero en cualquier grupo de millones de habitantes siempre, absolutamente siempre, tiene que quedar claro quién es el que tiene el Poder en último término. Hay cosas en una nación más indefinidas, pero esa NUNCA puede quedar indefinida. Cuando ha sido así, el resultado siempre ha sido muy malo.
Una cosa es que el Poder organice una consulta como en Canadá o en el Reino Unido, y organizara la división de una parte de la soberanía. Y otra muy distinta es el desconocimiento de la Ley por parte de las instancias de Poder inferiores: el resultado, en estos casos, siempre ha sido el mismo y muy malo.
La división desde el Poder, aunque sea un mal, se realiza de forma organizada. La división a la fuerza acaba provocando guerra callejera o terrorismo.
Lucía decías que mala es la situación para el 50% de catalanes que sienten españoles y mala la situación para el 50% que no se sienten españoles. El problema es que no hay término medio. Es el típico caso en que, una vez dada toda la autonomía posible, solo queda la ruptura o la unión. Y dado que no hay una tierra de en medio, dado que hay que dejar claro qué norma jurídica es la que rige mientras se produce el debate, la única posición de la Razón es la legalidad del Estado de Derecho.
Yo no me meto en banderías humanas, no me meto en cuestiones opinables que corresponden a la política. Yo intervengo en la cuestión moral y la solución es la misma aquí, en Estados Unidos, en Italia y en Alemania, ahora y dentro de cien años. Las pautas morales que he ofrecido intentan ser objetivas. La moral obliga, sea uno del partido que sea.
Podemos discutir si queremos que haya o no monarquía, podemos discutir si dividimos en otras dos cámaras el senado, podemos discutir muchas cosas, pero si, por ejemplo, la Ley apenas castigara el hecho de que un extraño pudiese entrar en nuestra casa, eso trae gravísimas consecuencias. No se puede mitigar el concepto de allanamiento de morada sin que eso no acabe muy mal.

Si alguien quiere entrar en mi casa, yo puedo repelerlo con la fuerza. Y eso no es un delito. Nadie puede apelar a términos medios: es mi casa o no lo es.
Categories: Blogs

AMERICA/MESSICO - La Chiesa: la Vergine di Guadalupe sia “segno di unità” per il paese

Agencia FIDES - 11 December, 2018 - 05:05
Città di Messico – “Il Paese affronta sfide "molto grandi e serie come la violenza e gli omicidi. Inoltre un fenomeno recente e molto grave è quello dei suicidi di adolescenti che perdono il significato della vita in così tenera età": è l’allarme lanciato dall'Arcivescovo di Città del Messico, il Cardinale Carlos Aguiar Retes, e diffuso in una nota pervenuta all’Agenzia Fides, che si è rivolto ai fedeli auspicando una nuova fase di pace e di riconciliazione sociale nella nazione, e affidandola alla Madonna di Guadalupe, la cui festa si celebra il 12 dicembre.

In sintonia con la riflessione del Cardinale Aguiar Retes, l'editoriale del settimanale "Desde la Fe", pubblicazione molto seguita dell'arcidiocesi, invita tutti a celebrare la festa di Nostra Signora di Guadalupe con queste parole: "La festa della Vergine di Guadalupe offre tutti l'opportunità di lavorare in due dimensioni fondamentali: quella religiosa e quella sociale, per mettere da parte la discordia, considerarci come fratelli e servire la nazione". La Vergine di Guadalupe, si legge nel testo inviato a Fides, “deve essere icona e paradigma per la nuova fase politica del nostro paese. La sua azione conciliatrice attraverso Juan Diego, per promuovere l'unione di un popolo nascente, è un esempio attuale per trovare la via, per tutti, anche quando ci sono profonde differenze".

Ha colpito molto l'opinione pubblica la notizia diffusa dalla stampa locale che rileva oltre 250 morti in una settimana, a causa dei tanti morti per scontri fra gruppi criminali o con le forze armate. Per fronteggiare la violenza in Messico, il neo presidente, Andrés Manuel López Obrador ha riaffermato proprio questi giorni la sua idea di creare la “Guardia Nazionale”, composta da 50.000 elementi, oltre a dividere il territorio messicano tra 150 Coordinatori di sicurezza che lavoreranno con la polizia di stato

Categories: , Noticias

OCEANIA/PAPUA NUOVA GUINEA - “Chiamati alla pienezza della vita e dell’amore”: i giovani sulle orme del beato ToRot

Agencia FIDES - 11 December, 2018 - 04:44
Rabaul – “Chiamati alla pienezza della vita e dell’amore”: questo il tema del Congresso nazionale giovanile in corso a Vunapope, provincia della Nuova Britannia, in Papua Nuova Guinea, che vede riuniti 260 giovani provenienti dalle diverse diocesi del paese per partecipare a giornate di preghiera, riflessione e crescita nella fede.
Organizzato dalla Conferenza Episcopale, in collaborazione con l’Arcidiocesi di Rabaul, l’incontro che ha aperto ufficialmente i battenti l’8 dicembre presso la Cattedrale del Sacro Cuore di Vunapope, nei pressi di Rabaul. I punti salienti del programma includono incontri e catechesi sul tema del “celebrare la vita”, attraverso l'Eucaristia e il sacramento della Riconciliazione ma anche la preparazione dei giovani al sacramento del matrimonio.
I giovani hanno ricevuto spunti di riflessione e input su fede, vocazione, vita e amore. Mons. Rolando Santos, CM, Vescovo di Alotau-Sideia, condividendo la sua storia di vocazione, li ha incoraggiati a “pregare e a non aver paura di testimoniare Cristo”. I giovani hanno inoltre visitato i pazienti dell'Ospedale St. Mary's di Vunapope che hanno manifestato la loro gioia per questa condivisione che è stata offerta loro.
Tra le altre iniziative previste in occasione del Convegno, i partecipanti hanno preso parte ad un pellegrinaggio a Rakunai nel quale tutti hanno avuto l'opportunità di visitare i luoghi della nascita, del martirio e della morte del Beato Peter ToRot, catechista papuano e martire per la fede e per la difesa del matrimonio. Rivolgendosi ai giovani, mons. Rochus Tatamai, Vescovo di Kavieng, ha parlato della vita del beato descrivendolo come “persona umile e santa sin da quando era un bambino”. Il Convegno si concluderà il prossimo 12 dicembre con una Messa di ringraziamento.
Categories: , Noticias

ASIA/PALESTINA - A Natale niente permessi di uscita per i cristiani di Gaza

Agencia FIDES - 11 December, 2018 - 04:33
Gaza – I cristiani di Gaza quest'anno non riceveranno dalle autorità israeliane i permessi per attraversare la frontiera al valico di Erez e raggiungere familiari e amici a Gerusalemme, Betlemme e in altre città della Terra santa per celebrare insieme il Natale. L'organizzazione Middle East Concern riferisce che quest'anno le richieste di permesso di viaggio sono state quasi tutte respinte, e sono state accolte solo quelle presentate da persone di età superiore ai 55 anni .
Negli anni scorsi, molte delle richieste di permesso, presentate soprattutto attraverso il Patriarcato greco ortodosso di Gerusalemme, avevano ottenuto risposta positiva. In occasione delle festività natalizie del 2016, i permessi concessi dalle autorità israeliane ai cristiani di Gaza erano stati più di 600. Mentre in occasione delle ultime festività pasquali era già stato utilizzato il criterio di concedere permessi solo a persone di età superiore ai 55 anni. Una disposizione che di fatto aveva reso irrisorio il numero di abitanti di Gaza interessati a approfittare dell'opportunità concessa dal governo israeliano. .
Categories: , Noticias

ASIA/COREA DEL SUD - L'Università cattolica in prima linea per la ricerca sulla bioetica

Agencia FIDES - 11 December, 2018 - 04:31
Seoul - L'Università cattolica di Seul è in prima linea per la ricerca sulla bioetica, grazie alla cospicua donazione offerta da un noto scienziato e studioso a coreano, il professor Young-chul Sung, che ha donato 10 miliardi di won coreani dando nuovo ossigeno al Collegio di Medicina dell'Università Cattolica della Corea, per contribuire alla ricerca nel campo della bioetica. Come riferito all'Agenzia Fides dall'Ufficio Comunicazioni dell'Arcidiocesi di Seoul, la donazione andrà al "Catholic Saving Life Research Fund", secondo l'accordo siglato con il Cardinale Andrew Yeom Soo-jung, Arcivescovo di Seoul e Presidente del consiglio di amministrazione della "Catholic Education Foundation". Si tratta della maggiore donazione mai offerta all'Università Cattolica della Corea.
Il professor Sung ha motivato la donazione apprezzando "il rispetto per vita esistente in ogni aspetto delle attività di ricerca" dell'ateneo cattolico.
Il "Catholic Saving Life Research Fund" contribuirà principalmente alla costruzione di un'infrastruttura di ricerca nell'Istituto per l'Industria Bomedica. Il Card. Yeom ha detto: "Il movimento per la vita non può andare avanti senza il supporto della scienza. Apprezziamo molto il lavoro di ricerca prof. Sung. L'Istituto dell'Università Cattolica porrà lo spirito cristiano di rispetto per la vita al centro di ogni attività di ricerca".
Il Prof. Sung è stato premiato nel 2008 con il "Mystery of Life Award", riconoscimento assegnato a quanti si distinguono per la protezione delle dignità della vita e nella ricerca per curare malattie tuttora incurabili.
Categories: , Noticias

AFRICA/KENYA - Sacerdote keniano ucciso in una rapina a mano armata

Agencia FIDES - 11 December, 2018 - 03:41

Nairobi -Ucciso in una rapina un sacerdote keniano. La mattina del 10 dicembre, P. John Njoroge Muhia parroco della parrocchia di Kinoo a Kiambu, a 25 km da Nairobi si stava recando in una banca nella città di Kikuyu, per versare i soldi delle offerte dei fedeli, quando è stato avvicinato da quattro malviventi in motocicletta. I malviventi hanno bloccato la macchina del prete su una strada accidentata, lo hanno costretto a fermarsi e gli hanno chiesto di consegnare la borsa che aveva nell’auto.
Di fronte all’esitazione del sacerdote, uno dei rapinatori ha estratto una pistola, ha esploso dei colpi attraverso il lunotto anteriore, che hanno raggiunto p. Njoroge nel petto. I malviventi si sono quindi impossessati della borsa del sacerdote e di un telefono cellulare e sono fuggiti in motocicletta. Un testimone oculare in un cantiere vicino ha detto di aver sentito dei colpi di pistola e ha visto due motociclette sfrecciare ad alta velocità. Il sacerdote è stato dichiarato morto all'arrivo all'ospedale della contea.
"Siamo rattristati dall'uccisione di P. Njorog. L'uccisione di servitori del Signore è inaccettabile” ha dichiarato p. Francis Kiarie, che ha lavorato insieme al sacerdote ucciso.
P. John Njoroge Muhia, 56 anni, originario di Gatitu, venne ordinato sacerdote il 30 dicembre 1994 ed ha prestato servizio presso la St Peter the Rock Parish a Kinoo.
Categories: , Noticias

ASIA/EMIRATI ARABI UNITI- Il Vicario Apostolico Hinder: “Il Papa negli Emirati, passo storico per il dialogo islamo-cristiano e per la pace”

Agencia FIDES - 11 December, 2018 - 03:31
Abu Dhabi - "La visita di Papa Francesco nella Penisola arabica è un momento-chiave per il dialogo tra musulmani e cristiani": lo dice all'Agenzia Fides il Vescovo Paul Hinder, Vicario Apostolico dell'Arabia meridionale, che include Emirati Arabi Uniti, Oman e Yemen. “Accogliamo il Papa con cuore aperto e preghiamo con le parole di San Francesco d'Assisi: Signore, fa di noi uno strumento della tua pace. Auspichiamo che la visita apostolica sia un passo importante nel cammino di dialogo tra musulmani e cristiani e contribuisca alla comprensione reciproca e alla pace in Medio Oriente”, rileva mons. Hinder.
Il 6 dicembre la Santa Sede ha annunciato che il Papa effettuerà una visita di tre giorni negli Emirati Arabi Uniti dal 3 al 5 febbraio 2019. La visita segue l'invito dello Sheikh Mohammed bin Zayed Al Nahyan, Principe ereditario di Abu Dhabi e vice comandante delle Forze armate degli Emirati, a partecipare all'incontro interreligioso su "Fraternità Umana". Nell'annunciare la visita di Papa Francesco, il principe ereditario Mohammed ha dichiarato in un tweet che "il Papa è simbolo di pace, tolleranza e promozione della fratellanza. Attendiamo con ansia la storica visita, attraverso la quale cercheremo il dialogo e la coesistenza pacifica tra i popoli".
La visita, riferisce il Vicario Apostolico, è anche una risposta all'invito rivolto a Papa Francesco da parte della piccola comunità cattolica che vive negli Emirati Arabi. Il Vescovo Hinder ha espresso gratitudine al governo degli Emirati Arabi Uniti, e ha riferito che è stata creata una speciale commissione, a stretto contatto con il governo, per gestire tutti gli aspetti del pellegrinaggio papale.
La celebrazione della Messa si terrà il 5 febbraio in una sede pubblica ad Abu Dhabi. "E' un gesto cortese che apprezziamo e riconosciamo", ha detto il Vicario, riferendosi al governo.
Quella di Papa Francesco è la prima visita in assoluto da parte di un Pontefice nella penisola arabica. Il tema che il Vicariato Apostolico dell'Arabia meridionale ha scelto per la visita è tratto dalla Preghiera attribuita a Francesco d'Assisi: “Signore, fa' di me uno strumento della tua pace”. La visita cade anche nell’anno in cui si celebra l'800° anniversario dell'incontro tra Francesco di Assisi e il Sultano Malik Al-Kamil, avvenuto in Egitto nel 1219.
Categories: , Noticias

VATICANO - Chiese in Asia e migrazioni: un seminario di studi

Agencia FIDES - 11 December, 2018 - 02:55
Città del Vaticano - Esplorare i contesti e i volti della missione della Chiesa in Asia in relazione alla migrazione contemporanea: con questo obiettivo dal 10 al 15 dicembre un gruppo di studiosi, teologi e professionisti cristiani sono riuniti al CIAM per un seminari di studi. I membri del gruppo provengono da India, Libano, Vietnam, Filippine, Malesia, Corea del Sud e Giappone.
In particolare, il Seminario considererà il panorama della migrazione contemporanea così come i volti e le sfide dell'evangelizzazione nei quattro principali flussi di migrazione da e verso l'Asia . Gli studiosi intendono esplorare quattro aree-chiave implicate considerando l'opera di evangelizzazione, come essa si caratterizza in relazione al fenomeno della migrazione, ovvero: la conversione religiosa ad un altra fede; le relazioni interculturali e interreligiose; l'istruzione e la formazione dei laici e dei missionari che lavorano tra i migranti; e il fenomeno dei migranti come missionari ed evangelizzatori. Il Seminario, inserito nelle attività di preparazione in vista del Mese Missionario Straordinario dell'Ottobre 2019, intende di aiutare a discernere la missione evangelizzatrice dei battezzati in Asia i nell'epoca dei grandi flussi migratori. .
Categories: , Noticias

No existe un magisterio específico sobre el nacionalismo

Blog del Padre Fortea - 10 December, 2018 - 10:12



















Tenía clarísimo que hoy no iba a hablar del tema de Cataluña, pero, al final, no me he resistido, porque un lector ha hecho una petición muy interesante:
Por favor padre, explique cuál es la doctrina social de la Iglesia sobre la secesión en un país. Es muy clarificadora y debería ser el criterio a seguir por sus pastores y fieles.
No existe una doctrina magisterial expresa sobre el tema. Ahora bien, hay suficientes elementos en la teología moral de la Iglesia para afirmar de forma condensada las siguientes verdades:
-Existe un derecho a la autodeterminación cuando hay razones suficientes para ello: invasión de un pueblo, objetiva situación de opresión (por la raza, religión, etc.) u otras razones objetivas.
-No existe un derecho a la secesión cuando la región, provincia, departamento, cantón u otra circunscripción ni está invadida ni oprimida, y forma una unidad con el Estado del que es parte.
El que el poder político decida ceder no significa que ese derecho exista. Solo demuestra que ha cedido. Ojo, tampoco estoy diciendo que, en ocasiones, no sea más prudente optar por el mal menor.
Querido comentarista, lo pediste es muy útil, porque este es un problema que puede extenderse sin final por todos los países con su inevitable siembra de odios y posibilidad de grandes conflictos.
Repito lo que dije hace tiempo: Que el límite de una nación esté aquí o más allá se debe a cuestiones en manos del azar: un río, una batalla perdida, una boda entre casas reales, una cordillera, una lengua, una religión. Las lenguas avanzan o retroceden o se encapsulan por razones azarosas. Las fronteras podían haber estado en muchos otros lugares alternativos. Lo que sí que resulta indudable son los males que afrontamos si una región comienza un proceso de secesión, u otro país inicia un proceso de incorporación por la fuerza.
En el caso de una autodeterminación, la inmensa mayoría de la población invadida o sojuzgada lo normal es que quiera recobrar la independencia. Y, aun así, los peligros de odio y sangre que conlleva un proceso de autodeterminación no son descartables.
Pero, en el caso de una secesión, estar dispuesto a pagar ese precio resulta objetivamente inaceptable desde un punto de vista moral.
Desde un punto de vista legal, la soberanía es indivisible. Normalmente, la Ley es reflejo de la moralidad; y la moralidad se encuentra reflejada en la legalidad. Ya sé muy bien que hay excepciones. Pero cuando el sistema jurídico se basa en la Razón, la Ley refleja el ordenamiento moral.
Si existiera un derecho a la secesión, Cataluña podría volverse a dividir cuatro años después de lograr la independencia. En un estado de anarquía, hasta los valles del pirineo proclamarían su independencia. ¿Por qué una ciudad no puede ser independiente?
No hay nadie que ahora abogue por la secesión en Cataluña que después no vaya a negar el derecho a la independencia a otros. ¿Por qué? Porque la Razón indica que la soberanía no puede estar fragmentándose de forma indefinida. Más allá de cierta división y subdivisión el sistema caería en la anarquía.
Aunque algunos digan que sí que aceptarán ese derecho, lo dicen convencidos de que el proceso se detendrá. Pero este es un proceso que resulta altamente inflamable porque cada división implica destrucción del bien común y la siembra de animadversión. Las secesiones no se pueden hacer sin esa siembra de la confrontación del uno con el otro. Sin confrontación, la Razón indica que la unión y la coordinación siempre es preferible. Cada desunión y descoordinación conlleva un coste. Por eso los defensores de este derecho de independencia, después lo niegan a los sometidos a la nueva soberanía. Antes de la guerra civil española los anarquistas no creían en la autoridad. Después, cuando se hicieron con el Poder en la guerra, ejercieron la autoridad. Lo mismo pasa con los que creen en el derecho de secesión. Una vez creada la nueva soberanía, ya no se puede ejercer ese derecho.
Por eso, desde el punto de vista de la moral, creo que ha llegado el momento de decir bien y alto y bien claro, sin ambigüedades, que no existe el derecho a la secesión. Existe, como es lógico, el derecho a que el prisionero recobre la libertad. Secesión no es lo mismo que autodeterminación. En 1944 Francia no se secesionó del III Reich. Las Trece Colonias sí que se independizaron de la Corona Inglesa, pero ese hecho (con razón o sin ella) no se pudo hacer sin pagar un precio en sangre.
Hay un ejemplo que puede dejar clara esta cuestión moral: Existe el derecho a que la esposa maltratada se escape del matrimonio. Pero no existe un derecho, moralmente hablando, a que la esposa un buen día anuncie que se autodetermina respecto al matrimonio y se marche. Esa no es una opción moralmente indiferente.
Desde el punto de vista de la licitud, uno puede ser todo lo nacionalista que quiera, pero teniendo claro que la soberanía es un bien nacional indivisible. Los montes del Pirineo no pertenecen a sus habitantes, sino a toda la nación. Y es un hecho objetivo que hoy Cataluña pertenece a España, hagan las votaciones que quieran hacer los que vivan allí. Es una mera cuestión legal con igual respuesta en todas las construcciones jurídicas de todo el mundo.
Por supuesto que uno dirá que uno tiene una opinión y otro tiene otra opinión. Pero el Poder no está sujeto a opiniones. El Poder es algo objetivo. Quim Torra dirá lo que quiera, pero él no puede detener al presidente de España; la justicia de España sí que puede detener a al presidente de la Generalitat.
Como dije en otro post, aquí cada cual tiene sus opiniones. Pero el Poder se demuestra en la capacidad de enviar a la policía a detener a alguien. Esa es la evidencia última de quien posee el Poder. Cuando llega la policía y le comunica a alguien: “Está usted detenido”, esa es la frase más objetiva que existe, no está sujeta a opinión.
Otra lectora pedía “altura de miras” con los nacionalistas, pero aquí hablo de la cuestión moral. Lo moral es lo justo. Después ya sé muy bien que nuestros políticos en Madrid pueden hacer los cambalaches que quieran. Pero yo hablo de cuestiones que tienen que ver con la moralidad, con lo justo, con los derechos. Después ya sé que puede ocurrir cualquier cosa.
Categories: Blogs

ASIA/INDIA - Dimissioni del Vescovo di Cuddapah

Agencia FIDES - 10 December, 2018 - 05:36
Città del Vaticano – Il Santo Padre Francesco ha accettato oggi la rinuncia al governo pastorale della diocesi di Cuddapah , presentata da S.E. Mons. Prasad Gallela.
Categories: , Noticias
Syndicate content